Art.32,34 e 37 del D.Lgs 81/2008

accedi al corso formatori

numero-verde

La tutela e la sicurezza dei lavoratori in azienda sono obiettivi che si possono raggiungere solo attraverso l’efficiente organizzazione di un sistema di prevenzione e protezione e la formazione dei lavoratori e dei loro rappresentanti.

Il decreto legislativo n.81 del 9 aprile 2008, noto come il Testo unico sulla sicurezza, affronta questi temi in maniera approfondita negli articoli della sezione III e IV, specificando i ruoli e le attività per assicurare un’adeguata pianificazione e realizzazione della sicurezza in azienda.
L’articolo 32 si sofferma in particolare sulle capacità e sui requisiti professionali degli addetti e dei responsabili dei servizi di prevenzione e protezione interni ed esterni all’impresa.
Il primo requisito è quello di essere in possesso di un titolo di studio non inferiore al diploma di istruzione secondaria superiore e di un attestato di frequenza, con verifica dell’apprendimento, a specifici corsi di formazione in materia di sicurezza.
Per diventare RSPP, oltre a tale requisito, è necessario possedere un attestato di frequenza a corsi di formazione in materia di prevenzione e protezione dei rischi, anche di natura ergonomica e da stress lavoro-correlato, di organizzazione e gestione delle attività tecnico amministrative e di tecniche di comunicazione in azienda e di relazioni sindacali.

Ricordiamo che secondo l’articolo 34, in alcuni casi, il datore di lavoro può svolgere direttamente i compiti propri del servizio di prevenzione e protezione dai rischi, di primo soccorso, di prevenzione incendi e di evacuazione, informando in via preventiva il rappresentante dei lavoratori. Tale attività richiede la sua partecipazione a corsi di formazione, di durata minima di 16 ore e massima di 48 ore, adeguati alla natura dei rischi presenti sul luogo di lavoro.

L’articolo 37 infine specifica che è obbligo del datore di lavoro l’assicurare un’adeguata formazione dei lavoratori in materia di salute e sicurezza, anche rispetto alle conoscenze linguistiche, con particolare riferimento ai concetti di rischio, danno, prevenzione, protezione, organizzazione della prevenzione aziendale, diritti e doveri dei vari soggetti aziendali, organi di vigilanza, controllo, assistenza, pericoli specifici di ogni mansione, settore o comparto di appartenenza dell’azienda.

Altri argomenti del corso per formatori