Accordo Stato-Regioni: la formazione dei lavoratori

Come anticipato la settimana scorsa l’accordo Stato-Regioni del 21 dicembre 2011 non ha toccato solo la formazione RSPP per il datore di lavoro, ma anche la formazione per il lavoratore, preposti e dirigenti. Andiamo a vedere nello specifico di cosa si tratta.

Lavoratori

L’accordo prevede i seguenti punti:

  • Requisiti dei docenti: in attesa di ulteriori precisazioni i formatori per la sicurezza sul lavoro devono dimostrare di avre un’esperienza minima di insegnamento di questi temi di almeno 3 anni.
  • Organizzazione dei corsi:
    • deve essere presente un organizzatore, che può essere il datore di lavoro;
    • il numero massimo di partecipanti è di 35;
    • deve esserci un registro delle presenze;
    • il numero massimo di assenze è del 10% del monte ore complessivo;
    • i contenuti devono essere declinati tenendo conto delle differenze linguistiche e di genere di tutti i partecipanti.
  • Metodologia di apprendimento: i corsi devono essere equilibrati fra lezioni teoriche e pratiche, vanno affrontati casi che permettono un’interazione con i partecipanti e che sviluppino le loro capacità di problem solving. Viene inoltre ammessa la modalità di studio in e-learning per la formazione generale dei lavoratori, la formazione dei dirigenti, la formazione dei preposti per i punti da 1 a 5 e per progetti formativi sperimentali proposti da Regioni o Provincie.
  • Articolazione del percorso formativo: si divide in formazione generale e specifica per il rischio connesso all’attività lavorativa specifica. La formazione generale deve avere una durata di 4 ore e vi rientrano i seguenti temi: concetto di rischio, danno, prevenzione, protezione, organizzazione della prevenzione aziendale, diritti-doveri-sanzioni e organi di vigilanza e assistenza. Per la formazione specifica occorre fare riferimento al comma 1 lettera b) e al comma 3 dell’art.37 D.Lgs. 81/08. Ha una durata di 4, 8 o 12 ore a seconda del grado di rischio a cui il lavoratore è sottoposto.

Ogni cinque anni va effettuato un corso di aggiornamento della durata di 6 ore.

Preposto

Per il preposto è prevista una formazione di 8 ore che riguarda i seguenti punti (dall’1 al 5 è accettata anche la formazione online):

  1. principali soggetti della prevenzione aziendale: obblighi, compiti e responsabilità;
  2. relazioni fra i soggetti interni ed esterni del servizio di prevenzione e protezione;
  3. definizione e individuazione dei fattori di rischio;
  4. incidenti e infortuni mancati;
  5. tecniche di comunicazione e sensibilizzazione, specialmente rivolte a neoassunti, stranieri e somministrati;
  6. valutazione dei rishci ina zienda, con particolare riferimento al contesto in cui il preposto opera;
  7. individuazione di misure tecniche, organizzative e procedurali di prevenzione e protezione;
  8. modalità di esercizio del controllo dell’osservanza delle misure di sicurezza sul lavoro e dell’uso di dispositivi di protezione collettivi e personali.

Ogni cinque anni va effettuato un corso di aggiornamento della durata di 6 ore.

Dirigenti

Per i dirigenti è prevista una formazione con durata minima di 16 ore, strutturata in 4 moduli:

  • Modulo 1 : normativo-giuridico;
  • Modulo 2: gestionale – gestione e organizzazione della sicurezza;
  • Modulo 3: tecnico – individuazione e valutazione dei rischi;
  • Modulo 4: relazionale – formazione e consultazione dei lavoratori.

Ogni cinque anni va effettuato un corso di aggiornamento della durata di 6 ore.

Per scaricare il testo completo dell’Accordo clicca qui (formato pdf)